LE NOSTRE BATTERIE

LA VECCHIA

ROVERE-CASTAGNO 50 ANNI

La Vecchia è una delle prime tre batterie della Acetaia, avviata nel 1972

E’ composta da 6 botti, alternate di rovere e castagno.

Il primo barile, il più piccolo e più vecchio, è antichissimo: è giunto a noi  ( vuoto e ben conservato ) grazie al mio trisavolo.

L’ Aceto conservato all’interno è caratterizzato da un colore bruno scuro, denso e sciroppato al punto giusto, con profumo fragrante, il quale ben armonizza per il palato l’acidità e la parte zuccherina in lui contenuto, non lasciando prevalere, quindi, uno sull’altro.

Ricavato dalla cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP, si caratterizza per un aroma lievemente ferroso, il che non è un difetto, ma frutto della permanenza all’interno di una botte plurisecolare.

Un aceto ottimo per chi il ama gusto dell’Invecchiamento.

(Acidità: 6,8 / Densità: 67,5 / 286 punti al Palio, voto OTTIMO)

LA DOLCE

ROVERE-CILIEGIO 50 ANNI

La seconda batteria, LA DOLCE , anche lei depositata nel 76 e composta sempre da 6 barili, si alterna tra legni di rovere e ciliegio.

Quest’ultimo conferisce un gusto fruttato, dolciastro, all’Aceto, correlato da una densità leggermente maggiore rispetto a “La Vecchia”

Ricavato dalla cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP, si caratterizza per un aroma tendente al dolce e morbido al palato. 

L’olfatto, però, riesce lo stesso a riscontrare l’acidità contenuta.

Se il tuo palato è affine ad alimenti dolci, morbidi e vellutati ma allo stesso tempo corposi, allora scegli lui!

(Acidità: 7,8 / Densità: 69,7/ 296 punti al palio, voto OTTIMO)

HUMAMI

ROVERE 50 ANNI

Prima di partire dalla descrizione della Batteria, vorrei soffermarmi sul significato di Humami: fino a qualche anno fa, gli studi identificavano in dolce, salato, amaro e acido i quattro gusti primari, ma di recente, è stato introdotto un ulteriore gusto, l’Humami.

In origine, il professor Ikeda isolò il composto chimico responsabile, il glutammato di sodio.

Tipicamente questa molecola si trova per esempio nella carne quando è cotta, o nei formaggi quando sono stagionati. E, per quanto vago possa sembrare, l'Humami si trova in tutti quei cibi che "sanno di buono". Il termine giapponese, infatti, significa proprio "dal sapore squisito”.

Ricavato dalla cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP, si particolarizza per un aroma davvero squisito.

Questa batteria, composta da 9 barili di solo rovere, rispecchia al massimo tutti i canoni dell’ Aceto Balsamico: di colore bruno scuro, ma al quanto lucente e limpido, ha una densità corretta e scorrevole sciropposità.

Il sapore dolce e agro, amalgama e armonizza acidità e zuccheri, è vivo, franco, di estrema pienezza e franchezza.

(Acidità: 7,59 / Densità: 70,2 / 300 punti al Palio, voto ECCELLENTE)

LA CARATTERISTICA

ROVERE-LEGNI MISTI 47 ANNI

La caratteristica è la quarta batteria installata, composta da anche lei 8 barili, di rovere e legni misti

Il nome le è stato dato in quanto, chiunque abbia degustato il prodotto al suo interno, non sia mai riuscito a dare una chiara ed esaustiva definizione di ciò che stava assaggiando, se non definendolo come caratteristico. 

Anch’essa ricavata dalla cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP, sta aspettando anche il tuo parere per una sua definizione.

(Acidità: 6,5 / Densità: 64 / 280 punti al palio, voto OTTIMO)

la selvaggia

rovere-tiglio 47 anni

La quinta è stata installata nel 78.

E’ composta da 6 botti di rovere, eccetto la seconda in tiglio.

Questo legno, tipico delle zone nostre come tutti gli altri tipi di legno, conferisce all’aceto un aroma silvestre, simile boschereccio.

Inevitabile descrivere anche qui il processo di cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP.

Sei un amante delle passeggiate nel bosco alla ricerca di profumi e sensazioni che sono il bosco può darti? Questo aceto fa per te!

(Acidità: 6,8 / Densità: 67, 277 punti al Palio, voto OTTIMO)

le nipoti l&f

rovere 28 e 26 anni

Le nipoti sono le ultime due batterie installate: praticamente gemelle, di 24 e 26 anni ciascuna, sono state avviate in concomitanza con la nascita mia e di mio fratello: da qui i nomi L (Lorenzo) e F (Filippo).

In totale sono 14 botticelle di volume costante e di stesso legno, rovere.

Inevitabile descrivere anche qui il processo di cottura a fuoco diretto, lento e a cielo aperto di uve di Trebbiano certificate DOP.

La costanza volumetrica facilita l’addensamento in tutte le botticelle e di conseguenza la formazione di parte zuccherina.

(Ancora non portate a fare valutare)